Risarcimento ridotto e non reintegra per mancato rispetto dell'intero procedimento disciplinare

Con la Sentenza n. 25189 del 7 dicembre 2016, la Corte di Cassazione interviene in merito agli elementi procedurali in caso di provvedimenti disciplinari che abbiano portato ad un licenziamento per giustificato motivo soggettivo.In particolare, la Suprema Corte ha sentenziato che la violazione meramente formale della mancata dimostrazione di aver comunicato al dipendente la data d'incontro affinché egli potesse esporre motivazioni giustificative ai suoi comportamenti aziendali, non motiva la reintegra ma configura solo un'indennità risarcitoria.

Condividi questa news