Nessun risarcimento al lavoratore infortunato che non rispetta le indicazioni verbali impartite

Con la Sentenza n. 21389 del 24 ottobre 2016 la Corte di Cassazione è intervenuta in merito alla legittimità del risarcimento del danno ad un dipendente infortunatosi svolgendo la propria attività senza seguire le indicazioni impartite in una riunione.Nello specifico la Suprema Corte ha sentenziato che l'azienda non può ritenersi responsabile dell'accaduto in quanto aveva impartito precise indicazioni circa le modalità di esecuzione del lavoro e degli strumenti da adottare: la richiesta di risarcimento del danno a seguito di infortunio si ritiene quindi insussistente.

Condividi questa news